giovedì 3 maggio 2012

Muri

Eccomi qua, seduta davanti al pc a scrivere, questa volta sono sveglia perché agitata, si, in questo periodo sono agitata, ma è normale che lo  sia, e soprattutto non lo sono per motivi di salute e questo vi assicuro che è  di per se una gran cosa, dopo questa premessa che dire? Preoccupata? si, tanto, anche se razionalmente non lo dovrei, essere ieri notte ho sognato che mi trovavo di fronte ad un  muro alto che dovevo scavalcare, mi ritrovavo a redarguire una ragazza che non mi aveva avvertito del muro ma che soprattutto insisteva perché lo scavalcassi, spingendomi dal basso verso l' alto, non ho fatto altro che borbottare che odio le cose senza preavviso e poi una fatica con il mio fisico e la mia età, scavalcato il muro ne ho trovato uno ancora più alto ma ero da sola, ho cercato una sedia e con calma e senza tanta fatica mi sono ritrovata a cavalcioni del muro tutta soddisfatta del fatto che c' ero riuscita da sola e senza fretta poi non ricordo, però stamattina un male ai polpacci.ebbene si certe volte si fatica molto nei sogni ed in più sono strani come può una sedia bastare per scavalcare un muro alto? In ogni caso sono qui davanti a questo schermo, ultimamente mi sono resa conto di che io credo in Dio, la mia testa ed il mio cuore anche, ho depositato ai Suoi piedi  molti fardelli, so come dia forza ma non sempre riesco a lasciare i pesi ai suoi piedi, nel vangelo  di Marco al capitolo 9 c' è un padre che chiede a Gesù  se può di guarire suo figlio e Lui gli risponde che tutto è possibile per chi crede ed il padre risponde: credo ma tu aiutami nella mia incredulità, questa è una frase che dico sovente perché mi si addice.Ora io prendo me ne vado a letto e cercherò di non portare con me i miei affanni. 

Nessun commento:

Posta un commento