venerdì 6 aprile 2012

Pasqua

Oggi è il Venerdì Santo, il giorno del dolore e del silenzio, stasera guardando la TV ho visto la pubblicità di una nota marca italiana al suo uovo pasquale, sicuramente ero distratta, ma mi è parso di cogliere che Pasqua aveva come significato un uovo di cioccolato, non è così.
Non ho mai amato la Pasqua, la croce non ha niente di bello, è dolore allo stato puro, umiliazione, uomini nudi esposti al pubblico, una sconfitta, un urlo "Dio mio, Dio mio perché mi hai abbandonato?" e MORTE.
Sembra una sconfitta, mi vien da chiedere perché?? perché tutto quel dolore?? perché esiste il dolore? Non ho una risposta ma nel tempo ho compreso qualche cosa sperimentando sulla mia pelle alcune cose: dolore, amore ecc.
La Pasqua ha un significato profondo, per i nostri fratelli maggiori è il memoriale della liberazione dalla schiavitù dell' Egitto, non solo un ricordo, si fa memoria riattualizzando un evento passato rendendolo presente; per noi cristiani è il memoriale della passione, morte e RISURREZIONE di Gesù per la nostra salvezza.
La morte è stata vinta e Gesù è risorto. Gli ortodossi a Pasqua quando
s' incontrano dicono: Cristo è Risorto!! E' veramente Risorto!! rispondono le persone. A me piace tanto come saluto pasquale perché ci credo, io credo che Cristo è Risorto, ha dato la vita per tutti ed è Risorto!
Vi lascio con un augurio francescano che secondo me sintetizza bene la Pasqua: PACE E BENE A TUTTI.