giovedì 26 maggio 2011

Vecchi ricordi

Oggi mentre me ne andavo in giro con indosso un paio di pantaloni ed un top  di seta pesante senza maniche, guardando le varie signore in giro con i sandali e le braccia belle scoperte ,mi è venuto in mente che una volta c' erano regole molto precise per le donne , una donna elegante non andava mai a piedi scalzi, calze anche sotto il solleone, scarpe chiuse anche d'estate, la manica doveva essere lunga, al massimo mezza manica, il massimo dell' eleganza abito senza maniche e giacca sopra, scarpe e borsa dello stesso colore, impensabile far vedere la spallina del reggiseno  non avete idea della figuraccia ma soprattutto il rischio  di passare per una ragazza poco seria, idem la sottoveste, niente vestiti rossi perché indicavano l' appartenenza ad un certo partito, in chiesa si entrava con il velo in testa, questo mi è stato risparmiato data l' età, c' erano poi i comportamenti da brava ragazza alcuni ve li risparmio, ma uno vi tocca, vi faccio un esempio in pullman sempre davanti e mai dare confidenza, soprattutto agli uomini. Sapete, io rimpiango l' educazione civica, mi da fastidio  la  maleducazione in cui siamo caduti, amo sentir parlare  bene , mi affascina la cultura, ma per altre cose mi trovo molto bene in questi tempi, ci sono stati dei miglioramenti in molti campi, è vero mi porto dietro alcune pesi della mia infanzia , però mi piace andare sbracciata quando fa caldo e tante altre cose, anche se l' abitudine di andare davanti sul pullman non l' ho persa.

1 commento: