lunedì 2 maggio 2011

Il pericolo è il mio hobby

Ieri dopo tanta pioggia siamo riusciti ad andare all' orto, c' erano veramente tante cose da fare, anche mio cognato ci ha dato una mano e mentre Titti riseminava i fagiolini che non erano cresciuti, lui ha piantato dei lunghi pali di sostegno alla rete per i fagioli che io e Titti avevamo messo,  piantare dei pali alti battendo da una scala non è facile ed allora io lo aiutavo cercando di tenere fermi i pali  mentre lui batteva la loro sommità con una grossa mazza piena di terra che mi cadeva in testa ad ogni possente mazzata, salvo questo piccolo inconveniente che mi costringeva  a guardare in basso, tutto è andato bene fino al penultimo palo quando oltre al rumore della mazzata e gli scossoni del palo, ho sentito passarmi qualcosa poco distante, oltre a vederne l' ombra, poi un tonfo e per terra non molto distante da me la testa della mazza.
- Però, mi è andata bene!!! esclamo.
- Per fortuna mi sono messo di lato, esclama mio cognato, quand' ero giovane un mio vicino che si era messo davanti, la mazza ha colpito il figlio..., no, non è morto ma non ti dico quanto sangue, ci siamo tutti spaventati da allora faccio sempre molta attenzione, aspetta ne vado a prendere un' altra.
- Non è che ricapita  di nuovo???? Sono una ragazza molto dubbiosa, certe volte.
- Tranquilla, prendo quella saldata, con quella non può succedere niente!!!
In effetti nulla successe, se non l' aumentare in me della consapevolezza che basta un niente per cambiare le cose, alcune volte in maniera irrevocabile.

2 commenti:

  1. ma dico non poteva prendere quella saldata fin dall'inizio?!?!?!
    Fabiana

    RispondiElimina
  2. Bhe, per dir la verità dopo ci ho pensato anch' io, ma sul momento ero intenta a ringraziare lui e il Padre Eterno :) e poi tutto è bene ciò che finisce bene!!!

    RispondiElimina