venerdì 25 febbraio 2011

Il fascino della notte

Io trovo che la notte sia affascinante, non parliamo poi camminare di notte, se sapessi che in giro non ci fossero esseri umani (è vero che il mondo è pieno di gente buona, ma basta incontrarne uno cattivo .....)  uscirei sovente a camminare di notte, mi è già capitato, ma ero in compagnia, in città può essere affascinante ma in campagna è spettacolare, passeggiare  in una notte di plenilunio ... provare per credere (anche se io mi sono portata la pila dietro per prudenza). Siccome non mi risulta che il genere umano sia sparito e Titti dorme eccomi qui a scribacchiare, ora vi lascio con due poesie sulla notte di Alda Merini e vado a vedere un po' di creatività.
Superba è la notte

La cosa più superba è la notte
quando cadono gli ultimi spaventi
e l'anima si getta all'avventura.
Lui tace nel tuo grembo
come riassorbito dal sangue
che finalmente si colora di Dio
e tu preghi che taccia per sempre
per non sentirlo come rigoglio fisso
fin dentro le pareti.


(da "Superba è la notte-1°ed.Einaudi 2000)

"Ogni poeta
laverà nella notte
il suo pensiero
ne farà tante lettere
imprecise
che spedirà all’amato
senza un nome".      
da Clinica dell’abbandono / di Alda Merini. - Torino : Einaudi, 2004.)

1 commento:

  1. Fiore
    oggi, ma solo oggi, non mi trovo d'accordo con te. La notte non è affascinante la notte ingigantisce le paure e soprattutto il dolore. Non ti posso parlare del perchè, poichè è un segreto di cui sono tenutaria, ma ti posso solo chiedere di pregare perchè la notte possa assumere un significato di "affascinante" per il mio segreto. E non pensare che non l'abbia chieso a Dio ma in questo momento so che tu mi ascolti di più e dicendolo anche a te Lui è obbligato a sentirmi poichè mi ama e ama il segreto di cui sono tenutaria.
    Fiore ho appena detto a qualcuno che donare un fiore può rendere meno buio intorno a sè tu questa notte scrivendo sei il mio piccolo vaso di violette che mi fa vedere i colori.
    Un bacio Torty

    RispondiElimina