venerdì 21 gennaio 2011

No camping!!!

Mentre sto aspettando che la camomilla si raffreddi, ho pensato di scrivere alcuni pensieri di questi giorni, ho ricevuto un biglietto di auguri da MN una suora carmelitana francese, prima riuscivo a parlarle per telefono adesso è un po' che non riesco a raggiungerla, devo scriverle ma con le lettere da spedire sono indolente, molto, eppure la porto nel mio cuore, ci pensavo ieri sera, nel mio cuore ci sono incisi tanti nomi, visi, avete presente quegli alberi con le varie scritte d' amore e no, che per fortuna al giorno d' oggi non si vedono più di tanto, ebbene io sono convinta di assomigliare un po' a quegli alberi, anche se non tutti i giorni ci penso, quelle persone ci sono, li penso, li ricordo e la mia preghiera per loro continua perché fanno parte di me.
Parlando di preghiera, stasera ho cercato di dire il rosario "seriamente", io mi distraggo sempre, mentre leggevo il brano sulla "Trasfigurazione"  mi è venuta in mente l' omelia di padre E., ci raccontava di quando sul monte Tabor stava leggendo il brano del Vangelo e di come si stesse immaginando la scena e di quando aprendo gli occhi aveva visto un cartello con scritto "No camping" da allora quando leggo o sento questo brano mi viene sempre in mente "No camping" lui ci ha fatto riflettere che nella vita di ognuno ci sono dei momenti bellissimi in cui noi tutti vorremmo piantare la tenda e non muoverci da lì, ma non possiamo!! Possiamo però nei momenti tristi o bui andare con la memoria e ricordare. Io la camomilla l' ho bevuta adesso me ne vo a letto. Ciao Ciao 

2 commenti:

  1. buon dì nottambula!

    direi che in certi casi il "campeggiare" implica staticità, mentre la vita è in continuo e tale movimento tale da poterla paragonare ad un terremoto.

    RispondiElimina
  2. Brava!!! hai proprio ragione ed in alcuni casi che terremoto...!!!! Baci

    RispondiElimina