sabato 24 aprile 2010

Fiordilatte della zia G.

Lo so, la foto non è bella ma vi assicuro che da mangiare è buono. Ho pensato che dopo tutti i discorsi che ho fatto ci voleva qualcosa di dolce, per cui vi scrivo la ricetta che mia zia mi ha fatto mentre ero da lei, l' ho rifatto a casa, io ho usato un latte intero crudo di un' azienda agricola di ottima qualità, vi assicuro che fa la differenza
Fiordilatte della zia G.
Ingredienti:
1 litro di latte crudo
2 uova intere
3 cucchiai di zucchero
un bel pezzo di buccia (solo il giallo) di limone.
un baccello di vaniglia (io ho usato 1 bustina di vaniglia)
zucchero quanto basta per il caramello da mettere nello stampo.
Strumenti:
Uno stampo da budino che entri nella pentola a pressione
Pentola pressione.
Colino con rete.
Procedimento:
Mettere il latte in un tegame con fondo spesso o antiaderente sul fuoco, quando inizia a bollire abbassare il fuoco (fuoco bassissimo), aggiungere la buccia e la vaniglia e spostare la pellicola che si forma, sorvegliare fino a quando il latte non si sarà ridotto alla metà, spegnere aggiungere i 3 cucchiai di zucchero girarli e lasciare raffreddare.
Versare il caramello nello stampo (anche nei bordi) bagnato con acqua fredda (così il caramello rimane attaccato ai bordi).
Quando il latte sarà freddo sbattere le uova intere e aggiungerle al latte quindi passare il tutto nel colino a trama fitta mescolando con il mestolo, io alla fine ho tolto la buccia di limone e ho aggiunto al composto quello che è rimasto nel colino, ho versato il tutto nello stampo e ho messo lo stampo dentro la pentola a pressione con un po' d' acqua (non deve essere tanto alta, perché bollendo non deve andare nel budino) quando la pentola inizia a fischiare calcolare 20 minuti e poi spegnere. Io ho lasciato il budino dentro la pentola senza farla sfiatare quando si poteva aprire l' ho tolto fatto raffreddare e messo in frigo, da servire dopo circa 4 ore.



Nessun commento:

Posta un commento