lunedì 15 marzo 2010

Sfogo della sera

Stasera ho ricevuto una telefonata da un' amica di una persona a cui voglio molto bene che mi avvertiva che la persona in questione non arriverà a quest' estate. Sapevo che non stava bene ma la notizia di un annuncio di morte mi coglie sempre impreparata, è vero reagisco bene, quasi con indifferenza ma in realtà il cuore soffre e nonostante faccia la dura 2 lacrime scendono, ho imparato a piangere poco, non so se sia un bene o meno.
Ci sono momenti in cui più cose si accavallano insieme e questo è uno di questi, non so se riuscirò a gestire la situazione, ma spero di si. Tanto per farvi capire meglio ci sono più persone che hanno bisogno di me ed a queste persone devo aggiungere me stessa, perché non è che sia ancora a posto fisicamente anche se a tutti dico che sto bene, sono affaticata.
Qua sotto una canzone che mi piace molto (per dir la verità mi piacerebbe per il mio funerale) stasera sono un po' lugubre? ma no, dopo la canzone vi copio un brano di Antony de Mello.

Ho lottato tanto in questo giorno

ho sofferto tanto in questo giorno

ne ho sentite tante, ne ho vedute tante in questo giorno.

Ma ora voglio addormentarmi fra le tue braccia, o Signore sicuro che domani,

che domani sarà un giorno migliore.
Non c'è stato amore in questo giorno


non c'è stata pace in questo giorno.

Hanno pianto tanti, sono morti tanti in questo giorno.
Ma ora voglio addormentarmi fra le tue braccia,
o Signore sicuro che domani,

che domani sarà un giorno migliore.


Marcello Giombini


Un tizio disse al suo parroco: " Il mio cane è morto ieri potrei far dire una messa in suffragio?"

Il prete era indignato. "Qui non si celebrano messe per gli animali" replicò bruscamente

"Provi nella nuova chiesa protestante in fondo alla via, forse loro saranno disposti a pregare per il suo cane"

"Volevo molto bene a quella bestiola", spiegò l' uomo, "e mi piacerebbe dargli un bell' addio. Non so che offerta si usi fare in queste occasioni, lei pensa che potrebbero bastare cinquecentomila dollari?"

"Aspetti un momento" disse il prete,"non mi aveva detto che il cane era cattolico!"

La preghiera della rana. Saggezza popolare dell'Oriente vol. 2° di Anthony De Mello Ed. Paoline
pag. 165

Nessun commento:

Posta un commento