mercoledì 27 gennaio 2010

Pure stanotte non c' era.

Buongiorno!!! quest' oggi visto che continuo a non riuscire ad addormentarmi, ho adottato la strategia della casalinga, ovvero mi sono messa a lavare i vetri del salotto con le tapparelle ben chiuse, come siano venuti lo vedrò domani mattina, anzi scusate, stamattina quando alzerò le tapparelle, sempre per occupare la mente ho anche stirato, due cose in meno da fare domani (oggi, continuo a sbagliarmi) la sveglia l' ho messa per le 7,30 spero solo di riuscirmi a svegliare. In testa avevo una poesia non ricordavo quale dei tre grandi (Ungaretti- Quasimodo - Montale) l' avesse composta ma per fortuna l' ho trovata, vi lascio con l' augurio che questa giornata vi possa stupire in senso positivo.

Specchio

Ed ecco sul tronco
si rompono gemme:
un verde più nuovo dell’erba
che il cuore riposa:
il tronco pareva già morto,
piegato sul botro.
E tutto mi sa di miracolo;

e sono quell’acqua di nube
che oggi rispecchia nei fossi
più azzurro il suo pezzo di cielo,
quel verde che spacca la scorza
che pure stanotte non c’era.

Salvatore Quasimodo

1 commento: