lunedì 11 gennaio 2010

In attesa di una telefonata

Abbiamo riportato la mamma di Titti a casa ed io sono in attesa della chiamata dall' ospedale per l' intervento, trovo che non sapere la data ed attendere la telefonata è snervante, oggi suona il telefono di casa, sollevo e sento:" Buongiorno volevamo informarla che (ci siamo penso io) il mobilificio ....." mentalmente ho pensato ma va...., verbalmente ho risposto: no grazie non mi interessa, buongiorno. Ho sognato che perdevo sangue...., mi è capitato di non dormire fino alle 4 (per fortuna che ci sono i blog, per calmarmi guardo quelli del fai da te) oggi l' ansia mi dava la sensazione di soffocamento, insomma ho paura e sono agitata a questo ogni tanto il seno operato mi da come delle fitte improvvise, domenica mi sono durate parecchio, i miei familiari sono perplessi, stasera Titti mi diceva che mentre era a pranzo con i miei e stavano parlando del fatto che si stupiscono di come abbia molta più paura ora che il peggio è passato di quanto ne abbia avuto prima del primo intervento, lui ha detto loro che per lui il mio male al seno è psicologico e che questa volta ho più paura per via del mio rapporto con la chirurga, che pur essendo bravissima e un po' ....... ed in effetti anch' io concordo che l' altro intervento l' ho affrontato benissimo grazie al mitico chirurgo, non credo che nessun medico legga queste righe ma se per caso ci fosse, fate uno sforzo trattateci bene o meglio rassicurateci e il vostro intervento andrà ancora meglio, sul male al seno è così vero ed improvviso che non so se sia veramente psicologico. Perdonate lo sfogo ma in questo momento è quello che più mi preoccupa.

Nessun commento:

Posta un commento