martedì 5 gennaio 2010

Anno nuovo .......!!!!!!!!!????

Eccomi qua, il 2009 è passato ed è passato bene all' insegna della buona tavola. Il 2010 è arrivato senza troppo chiasso, in amicizia e tranquillità ma.. e nella mia vita ci sono sempre dei ma, dire che sono tranquilla non è del tutto esatto, non so quando mi opereranno, non me l' hanno detto ed io ad ogni squillo di telefono penso: "ci siamo!!" e nel contempo non vorrei rimandare di chissà quanto tempo. Per evitare di star sempre a pensare all' intervento mi sono dedicata a fare due tegole, decorare una scatola e a dipingere delle sagome. Un amico mi ha detto che trova che io non mi esprimo nel blog, gli ho detto che scrivo quello che sento e poi gli ho chiesto cosa intendeva, ma non me l' ha spiegato, un'altra mia amica invece non era dello stesso avviso, per quello che mi concerne, forse c' è una cosa che può' frenarmi ovvero la mia ignoranza intesa nella mancanza di conoscenza della grammatica e di altre lacune che ho nella scrittura, sono sempre rimasta affascinata dalla capacità di pittori, scrittori, poeti e anche persone comuni d' esprimersi e soprattutto di farsi capire, però questo blog serve forse più a me che non a gli altri, un quaderno virtuale nel quale scrivo degli appunti o cose che mi colpiscono e mi piacciono, tutto questo per arrivare ai testi che troverete sotto, li ho presi dal blog Il tesoro nel campo: http://www.iltesoro.org/ nel post del 4/1/2010: Nessun monopolio, mi sono piaciuti tanto per cui li incollo nel mio quaderno virtuale.

.....vi riporto questo stralcio di un'intervista al Patriarca d'Antiochia, Ignazio IV (ortodosso):"Ho un’idea centrale: noi non abbiamo nessun monopolio della bontà, della buona fede, dell’amore. No, ci sono anche altri! E questi altri possono essere cattolici, protestanti o altro! E costoro non possono essere tali per caso, poiché noi non crediamo al caso, ma all’esistenza della grazia di Dio che si offre a tutti. Certo, io non so dove essa cada, ma da qualche parte cade. Questo “qualche parte” per me è molto ampio, perché è Dio ad aver fatto il mondo e non io... Se non so, sono io ad essere ignorante; se non comprendo il mondo in tutta la sua potenzialità e complessità, sono io ad essere incapace di concepirlo: la mancanza è in me e non in ciò che Dio ha fatto!"


Mi è piaciuto anche questo commento al post che vi trascrivo


..... Be', già che ci sono lascio un pensiero che mi è piaciuto detto l'anno scorso dal mio parroco, e cioè che noi spesso siamo soliti chiedere, chiedere, chiedere cose a Gesù; invece i Magi, che erano anche pagani e stranieri, oltre a essere stati tra i primi a riconoscere Gesù, invece di chiedere delle cose gli hanno portato loro dei doni. Cioè invece di stare sempre a domandare dovremmo chiederci cosa possiamo dare noi a Gesù.

Nessun commento:

Posta un commento