mercoledì 29 luglio 2009

29/7/09

Caro Babbo
che sei nei cieli
Tu sei benedetto
che il tuo AMORE venga sulla terra.
Che noi possiamo fare qui in terra, quello che tu desideri
come l' hanno fatto coloro che sono con Te in cielo.
Dacci oggi cibo per il corpo e per la mente
e perdona le nostre offese, come noi perdoniamo a coloro che ci hanno offeso,
e se noi non ci riusciamo, Tu, fai il Babbo, ovvero amaci così come siamo.
Non permettere al demonio di tentarci al di là delle nostre forze
ma liberaci dal male che è in noi e fuori di noi
Amen

sabato 25 luglio 2009

Tra passata di pomodoro e ringraziamenti

Personalmente, non mi sembra di essere una che ringrazia Dio spesso, l' ho ringraziato per il dono che mi ha fatto di mio figlio ed altre volte, ma non è che io ringrazi per ogni cosa, però in quest' ultimo anno l' ho fatto sovente, soprattutto per delle cose che so che da sola non sarei riuscita a fare o affrontare, questo non significa che sono una burattina nelle mani di Dio, io mantengo la mia indipendenza, ma in alcuni momenti per certe cose sono certa del suo aiuto e questo non mi dispiace anzi...., così come sono certa dell'importanza della preghiera d' intercessione ovvero persone che pregano per altri il Signore. Sentire che quella cosa che mi dava fastidio, non m' infastidisce, riconoscere una certa indifferenza è così fortemente liberatorio che a distanza di una settimana, oggi continuavo a ringraziare Dio per questo aiuto.
E poi ci sono le persone che mi vogliono bene e oggi mi veniva spontaneo ringraziare Dio anche per loro, loro sono importanti nella mia vita. Ci sono sempre!!
C' è una specie di gioia, pur nella normalità, che mi fa piacere e poi una mia amica mi ha raccontato del suo nipotino malato e sentire come il Signore agisce in maniera così forte mi commuove e io Lo ringrazio, però certe cose non si possono scrivere, bisogna sentirle dalla viva voce di chi le ha vissute. La normalità, e cosa c'è di più normale di conservare dentro il vetro il calore del sole, il colore, il profumo ed il gusto dell' estate insomma di preparare il sugo con i pomodori maturi e quindi nel pomeriggio ci siamo mobilitati io, Titti che ha preparato fuori una cucina da campo, la mia splendida sorellina e le mie simpatiche signore (mamma e zia) che ci hanno fatto da consulenti attive ed il pomeriggio è passato molto piacevolmente e poi abbiamo cenato tutti insieme, un grande famiglia riunita a tavola.

venerdì 24 luglio 2009

Chi dice donna dice danno!!

Questa è vecchia, a me è arrivata al primo gennaio 09, ma mi sembra più adatta per l' 8 marzo, in ogni caso mi piaceva e l' ho tenuta tra i messaggi del cellulare, ma ora lo devo buttare e poiché quello che mi piace io non lo butto quai mai ho pensato di inserire il pensiero nel mio blog così non lo perdo, ho cercato frettolosamente l' autore su internet ma sembra che sia anonimo.
Siamo come diamanti, uniche e preziose, il dono più bello che avessimo potuto ricevere è quello di essere ciò che siamo... donne! Chi dice DONNA dice DANNO... ed è vero perché danno la vita, danno la speranza, danno il coraggio, il conforto, danno amore, danno sé stesse per amore dei figli e a chi crede in loro e nei loro valori! A tutte le donne che leggono questo pensiero, per far capire loro quanto siamo importanti e indispensabili!
(Anonimo)

giovedì 23 luglio 2009

Un lettore c' è!!!

Ebbene si, almeno un lettore c' è, ecco una parte del commento che ho ricevuto e che non ho pubblicato:

.....l'anonimo lettore assiduo non desidera essere preso tra le grinfie della società Google,inc. perciò' non è registrato tra i lettori fissi... nel mondo virtuale ! ....... Grazie!!! lo scrivo io.

Veramente sono entrata perchè volevo inserire un vecchio inno gujarati che Gandhi si fece recitare all' incontro di preghiera dell' ultimo giorno della sua vita, che mi è molto caro

Anche se stanco e spossato, o uomo, non ti riposare.
Non abbandonare la tua lotta solitaria,
continua, non ti riposare.
Batterai sentieri incerti ed aggrovigliati,
non salverai, forse, che qualche povera vita,
ma non perdere la fede, o uomo, non ti riposare.
La tua stessa vita ti consumerà e ti sarà ferita,
crescenti ostacoli sorgeranno sul tuo cammino:
o uomo, caricati di questi pesi, non ti risposare.
Salta al di là delle pene e degli affanni
Pur se fossero alti come montagne.
E se anche non intravedi che campi aridi e sterili,
ara, o uomo, questi campi, non ti riposare.
Il mondo sarà avvolto nelle tenebre:
sarai tu a gettarvi luce,
disperderai l’oscurità che lo circonda.
Anche quando la vita ti abbandoni uomo, non ti riposare
Non darti mai riposo, dona riposo agli altri.


Un' altra preghiera che amo molto è questa composta nel Natale del 1943 da Dietrich Bonhoeffer (Breslavia, 4 febbraio 1906campo di concentramento di Flossenbürg, 9 aprile 1945) è stato un teologo luterano tedesco, protagonista della resistenza al Nazismo).

E' buio dentro di me, ma in te c'è luce.
Sono solo, ma tu non mi abbandoni.
Sono impaurito, ma presso di te c'è aiuto.
Sono inquieto, ma presso di te c'è pace.
In me c'è amarezza, ma presso di te c'è pazienza.
Io non comprendo le tue vie, ma tu conosci la mia via.

Invece quest' ultima è stata scritta su un foglio di carta da una/o sconosciuta del campo di sterminio di Ravensbrück (quasi sicuramente una donna perché a R. c' erano solo donne e bambini) però io l' ho promossa Santa/o perché solo una Santa può scrivere questo, oltretutto andate a vedere su internet com' era R. e poi capirete perché dico Santa.

Signore,
ricordati non solo degli uomini di buona volontà,
ma anche di quelli di cattiva volontà.
Non ricordarti di tutte le sofferenze che ci hanno inflitto.
Ricordati invece dei frutti che noi abbiamo portato grazie al nostro soffrire: la nostra
fraternità, la lealtà, il coraggio, la generosità e la grandezza di cuore che sono fioriti da
tutto ciò che abbiamo patito.
E quando questi uomini giungeranno al giudizio fa che tutti questi frutti che abbiamo fatto
nascere siano il loro perdono!

Anche l' ultimo lettore se n' è andato

Ebbene si, stamani apro il mio blog e vedo che un mio amico che si era iscritto è sparito... rimane un bianco immacolato... quello che dico non interessa a nessuno. Forte dispiacere da un lato, ma dall' altro anche una certa libertà, se nessuno legge posso dire tutto quello che voglio, e poi questo rimane una specie di diario virtuale, una sorta di terapia su me stessa, superare dei giudizi che ho nei miei confronti e che mi hanno condizionato la vita.
In effetti io ho bisogno degli altri, mi piace la gente, ma ho anche bisogno di guardarmi con i miei occhi ed avere , un immagine positiva di me stessa, quello che sto cercando di fare è di guardarmi per quello che sono e non per quello che penso di me stessa. In pratica devo smettere di cercare negli altri il giudizio su me stessa. Mi sono spiegata ? boh.
In ogni caso oggi è un nuovo giorno!!!, ho l' acqua nel pavimento della cucina che ho provveduto ad asciugare e persino Titti non riesce a capire quello che è successo ed io sono felice per i miei micro risultati che ho ottenuto in quest' ultimo anno!! In più in questi giorni ho ottenuto dei grandi risultati su una cosa che mi dava molto fastidio (questo è un eufemismo) ma il merito è soprattutto di Dio che ha ascoltato una mia preghiera.
Allora a me stessa e a tutto il resto del mondo auguro una BUONA GIORNATA!!!!!

martedì 21 luglio 2009

Impossibile amare solo Dio ! o ?

Piangendo Francesco disse un giorno a Gesù:
"Amo il sole, amo le stelle,
amo Chiara e le sorelle,
amo il cuore degli uomini, amo tutte le cose belle...
O Signore, mi devi perdonare perché te solo io vorrei amare."
Sorridendo il Signore gli rispose così:
"Amo il sole, amo le stelle, amo Chiara e le sorelle, amo il cuore degli uomini, amo tutte le cose belle...
O Francesco, non devi piangere più, perché io amo ciò che ami tu.
(Anonimo, dal calendario di Frate Indovino del 2001 trovata su Wikipedia, così ho potuto copiarla senza doverla scrivere a mano) Nella cartolina che ho incorniciato e appeso in casa mia come autore è segnato A.A.

Nella mia bibbia (CEI vecchia edizione) nel brano di Giovanni 21, 15-17
Pietro risponde: Signore, lo sai che ti amo.
Questa cosa mi ha sempre turbato, in tutta verità, Dio per me è molto importante, ma amore è una parola grossa (mi conosco bene)
In ogni caso la nuova traduzione del brano (che poi è più giusta rispetto al greco) mi è stata di grande aiuto, se ce la fate a leggere fino alla fine il commento che ho trovato può chiarire le cose.

Giovanni 21,15-17
Gesù e Pietro

Quand'ebbero fatto colazione, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone di Giovanni, mi ami più di questi?» Egli rispose: «Sì, Signore, tu sai che ti voglio bene». Gesù gli disse: «Pasci i miei agnelli». 16 Gli disse di nuovo, una seconda volta: «Simone di Giovanni, mi ami?» Egli rispose: «Sì, Signore; tu sai che ti voglio bene». Gesù gli disse: «Pastura le mie pecore». 17 Gli disse la terza volta: «Simone di Giovanni, mi vuoi bene?» Pietro fu rattristato che egli avesse detto la terza volta: «Mi vuoi bene?» E gli rispose: «Signore, tu sai ogni cosa; tu conosci che ti voglio bene». Gesù gli disse: «Pasci le mie pecore.

Però, tutto quello che Simone di Giovanni (vecchio nome di Pietro) può dare a Gesù è un “amore fragile”, un desiderio di amicizia che si traduce in scambio e reciprocità (fileo in greco), non invece un “amore forte come la morte” (agapao in greco). La “terza volta” Gesù sembra contestare anche questa “amicizia”. Simone riconosce la verità di questa contestazione e “si rattrista”. Cioè si pente! Tutto quello che può dare a Gesù non è un “darsi fino alla morte”, ma un bisogno di Gesù, un desiderio di stare con lui.
(tratto da uno scritto della parrocchia di Bazzano)

lunedì 20 luglio 2009

"Beato colui che guarda con il cuore, ma il suo cuore non è in ciò che vede".

Sono andata a vedere su internet quanto costa il libro di Chialà, dai 30 euro ai 25 e rotti, al che ho deciso che non lo comprerò, però sono andata a leggermi un bel po' di articoli per vedere se trovavo qualcos'altro ed ho trovato quest' altra citazione che non so se ho ben capito.
"Beato colui che guarda con il cuore, ma il suo cuore non è in ciò che vede".
Guardare con il cuore, leggendo i Vangeli ogni tanto si trova scritto Gesù lo guardò (ad esempio nel giovane ricco) a mio parere è uno sguardo diverso dall' occhiata che diamo, è un andare oltre, con quello sguardo Gesù avvolge, è con, non è giudizio ma AMORE e se colui che riceve (accoglie e si fa avvolgere come Pietro) quello sguardo, ecco che viene trasformato da quell' AMORE, sempre a mio parere Pietro piange si per il tradimento, ma piange anche di gioia perché si è sentito avvolgere dall' AMORE di Gesù ed ha sentito profondamente in se tutto il calore di quell' AMORE.
Anche lavare delle mutande piene di merda, trovarsi davanti ad un malato che di umano non ha quasi più niente e che ti fa venire il voltastomaco, possono diventare amore e alla fine il nostro cuore è in ciò che non si vede. Si va oltre ....

sabato 18 luglio 2009

Amore a prima vista


Passeggiando, guardavo distrattamente le vetrine quando l' ho visto, mi sono fermata, l' ho guardato bene ed ho deciso, sarai mio!! Gli ho fatto la foto, ma non rende come la cartellina originale.
Appena tornata a casa ci ho inserito tutti i documenti relativi all' intervento, così quando dovrò ritornare per medici i miei occhi saranno appagati da un bel spettacolo.

venerdì 17 luglio 2009

Il foglio bianco

"Ogni giorno è un foglio bianco in cui noi scriviamo la nostra storia" l' ho sentito dire a p. Etienne un padre bianco (Missionari d' Africa http://www.missionaridafrica.org/ per chi ne vorrà sapere di più) ed io oggi ho scritto la mia nuova pagina come ogni giorno, leggermente diversa da quella di ieri, salvo per le verdure che ormai fanno parte integrante del mio impegno culinario di tutti i giorni.
A proposito di citazioni, leggendo una rivista ne ho trovata una tratta dal libro:I detti islamici di Gesù, curato dal monaco di Bose Sabino Chialà, che raccoglie oltre 300 "detti" attribuiti a Gesù dalla tradizione islamica: a dimostrazione che le religioni, come le culture, non sono mai del tutto separate.
" Non mi è stato impossibile riportare in vita i morti, ma mi è stato impossibile guarire lo stupido"

giovedì 16 luglio 2009

Giornata NO

Ci sono giorni si e ci sono giorni no, complice il caldo oggi è un giorno NO, mal di testa, voglia di non fare assolutamente niente, autocommiserazione, tristezza, voglia di coccole ecc. Insomma giornata No, ma il cielo è blu sopra le nuvole... (come recita una canzone dei Pooh)
Sono volutamente sola in casa al caldo, anzi no' sono in compagnia di zucchine, cetrioli, pomodori ed insalata, ma non mi disturbano, anzi li trovo molto silenziosi, non ho fame, il che vista l' ora è quasi preoccupante, il mal di testa regna sovrano e per me, che non ci sono abituata. è veramente fastidioso. Il punto è che devo darmi una mossa, forse dovrei mettermi sotto la doccia e pensare a tutte le cose belle, alle persone belle che mi sono vicine. Per adesso sono qui a scrivere per buttare fuori i sentimenti negativi, quelli che non hanno alcun motivo di esserci e a tenermi la fronte tra le mani nei momenti di pausa. Ma il cielo è blu sopra le nuvole!!! Ho deciso, vado sotto alla doccia, poi si vedrà....

mercoledì 15 luglio 2009

Ricette

Per dir la verità volevo parlare del suicidio o meglio che fine fanno i suicidi? Se Caino non deve essere ucciso, i suicidi?? Inoltre l' estate è un periodo favorevole, in giro non c' è nessuno, a scuola ci dissero che Pavese fece molte telefonate ad amici, era agosto non trovò nessuno, sappiamo come andò a finire. Sicuramente lo farò questo post, ho già raccolto del materiale, ma adesso voglio parlarvi di due zuppe facili facili che a noi piacciono abbastanza, il metodo è lo stesso la prima è con gli zucchini o meglio si posso usare anche gli "zucconi" si lavano si tagliano a pezzetti assieme ad una o più cipolle si ricoprono d' acqua un po' di sale e si fanno bollire una volta cotti si frulla il tutto fino ad ottenere una crema (per chi ama i grassi, si può aggiungere anche la panna). La seconda è fatta con i cetrioli, io ho tolto il verde, ma mi hanno detto che si può lasciare, anche qui la cipolla e stesso procedimento che per quella sopra. Ora un dolce super veloce, dentro una pentola mettere insieme:
100 gr di latte - 200 gr. di cioccolato fondente, 100 gr. di burro, 100 gr. di zucchero, due cucchiai di rum o di caffè, mettere sul fuoco basso girare fino a quando si è sciolto il tutto.
Sbattere 4 uova con la frusta, aggiungete nella pentola mescolando 200 gr di farina, una bustina di lievito e poi alla fine le uova continuate a mescolare e poi versate in una tortiera e mettete in forno caldo a 180° per 17 minuti, non un minuto di più, ne uno di meno, togliete
dal forno.
Buon appetito!!


martedì 14 luglio 2009

Catene

Mi alzo, faccio colazione e ancora un po' intontita vado a vedere se nell' universo qualcuno mi ha scritto, la mia amica dei pps, barzellette e inchieste mi ha spedito qualcosa, bene! mi piace ridere! Inizio a leggere: guarda te questa Madonna (con la m minuscola) è miracolosa..., bah, questi titoli mi mettono in guardia , tradotto penso o dallo spagnolo o dal portoghese.
La virgen de Guadalupe è miracolosa e ti accompagna ovunque tu vada. Signori, anche se diamo una località alla Madonna o un aggettivo vorrei far presente che la Madonna è UNA, non che a seconda del posto, cambia il soggetto. Questa mail mira a dare la spinta al mondo di andare avanti... Altro che spinta, leggendo il seguito uno si accorge a che tipo di spinta si riferiscono
Il presidente argentino ricevette l'email ,e la cestinò; 'basura' , e dopo 8 giorni; morto suo figlio. Un signore ricevette l'email, la rinviò; e vinse alla lotteria. Vi rendete conto, si gioca pesante in nome della Madonna, un figlio morto. si va sul leggero!

Questa email è; miracolosa e sacra , non dimenticare di rinviarla entro 13 giorni, devi inviarla a più; di20 persone in 13 giorni. Non dimenticarlo. Riceverai un'enorme sorpresa.
Ma non ci penso proprio!! L' unica cosa che ho fatto è che ho preso il telefono, ho telefonato alla mia amica e le ho chiesto se era il caso di spedirmi certe cose visto quello che abbiamo passato ultimamente, ma credo che la cosa sia servita solo a me. In ogni caso mi rifiuto di mandare in giro certe s...... soprattutto quando ci sono queste forme di pressione psicologica.
Dio, Gesù, la Madonna sono AMORE, l' amore non obbliga, non minaccia, lascia liberi, non è un pugno chiuso in cui tu sei dentro, è una mano aperta, l' AMORE si lascia ferire, ma non ferisce, scusa tutto ed attende come il padre del figliol prodigo e poi ti corre incontro, non chiede niente, DA'.

sabato 11 luglio 2009

La donnina o nonnina Michelin

Ci sono momenti in cui i complimenti degli altri ti fanno ..... piacere? Boh, sono andata a trovare la zia di Titti e mentre salivo le scale mi dice: vista da dietro sembri tutta tua mamma (82 anni) faccio presente la cosa e mi risponde: intendevo nel portamento....
E' vero che negli ultimi tempi mi sento tanto donnina Michelin (chissà perché, provate ad indovinare?) la zia di Titti e l'amica che l' ha raggiunta e che mi conosce, incalzano:è vero sei stata anche più grassa di adesso, ma ti vediamo bene!!
In effetti sto veramente bene rispondo, ed è vero, ma avrei fatto volentieri a meno dei loro complimenti!!
Forse è proprio perché sono contenta e sto bene che ho pensato di farmi un auto ritratto e d'inserirlo nel blog, per quanto riguarda la nonnina, io porto i capelli grigi, il che soprattutto quando nei pullman ti cedono il posto può anche essere molto comodo.Sono quasi rassegnata al mio ruolo di nonnina, il che è davvero grave per un adolescente (ovvero io, perché mi sento molto giovane, almeno di testa).

mercoledì 8 luglio 2009

Ginnastica attiva - ginnastica passiva

Quest' oggi ho pensato che forse era meglio se mi muovevo un po' per cui mi sono data un obbiettivo e alle 17 sono uscita. Fatti pochi metri ho incontrato una ragazza (beh, 55 anni) che conoscevo vestita da corsa, nel vero senso, ci siamo salutate ed io le ho posto una domanda acuta: vai a correre? Lei mi ha risposto di si e io le ho detto: che coraggio!
Perché? mi ha risposto lei.
Perché fa caldo!
Nooo oggi è fresco! Ci siamo salutate ed ognuna ha ripreso il suo cammino.
Mi è venuto spontaneo pensare che io sono uscita per fare un po' di moto e per darmi la spinta il mio obbiettivo era di arrivare alla mitica gelateria e prendermi una bella granita alla mandorla!! ebbene si, io sono una calda sostenitrice della ginnastica passiva mentre sicuramente lei lo è di quella attiva.

martedì 7 luglio 2009

Non aver voglia di dormire

Certe volte mi capita di non riuscire ad addormentarmi, ormai ho imparato a conoscermi per cui so se "l' insonnia" è dovuta a preoccupazioni, arrabbiature, tristezza oppure se è un "non aver voglia di dormire", in questo caso occupo il mio tempo facendo solitari (i più semplici), il Moraff's More jongg, guardare su internet; stasera ho cominciato con continuare a tradurre per una mia amica in italiano un fumetto scritto in francese, poi sono passata a fare il resto, dopo di che ho provato ad andare a letto, ma visti i risultati, ho pensato di scrivere un po'.
Il mio Titti ha coltivato un magnifico orto che produce molti frutti tra cui: cetrioli, zucchini con i relativi fiori, fagiolini, piselli ed io mi vedo impegnata a cucinare in maniera varia tutta questa roba. Stasera ho fatto un sugo con i fiori di zucchine veramente saporito e frittata con cipolle e luppolo. Fra un po' dovrò iniziare a mettere via i cetrioli e le zucchine. Continuo la mia produzione di decoupage e l' umore continua ad essere sereno.

« Che significa "Montecchi"? Nulla: non una mano, non un piede, non un braccio, non la faccia, né un'altra parte qualunque del corpo di un uomo. Che cosa c'è in un nome? Ciò che noi chiamiamo con il nome di rosa, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo. »
(Giulietta, Atto II, Scena II)
Perché ho inserito questo? Perché lo trovo bellissimo cosi come altri brani di Giulietta e Romeo e perché sovente le parole possono farci da "laccio", imbrigliarci, impedendoci di avanzare, ma la sostanza, i fatti, le opere, i profumi , gli odori .... vanno oltre....

venerdì 3 luglio 2009

E' arrivato il caldo!!

Già stanotte abbiamo faticato a dormire per il caldo, alle 6,30 di stamani ho aperto tutte le finestre per arieggiare, ma l' aria era già calda, ora ho 29,1 gradi e la mia fronte gronda di sudore,
ma la vita è bella!!! Si, voglio parteciparvi questa mia gioia!! Ieri abbiamo festeggiato il nostro trentaduesimo anniversario di matrimonio in comune, quello in chiesa è più recente, ma questa è un' altra storia.