domenica 21 giugno 2009

Bretagna l' impiego dei cinque sensi

Il primo senso usato per tutto il viaggio è stato: la vista, quando viaggio mi piace guardare, ci sono sempre cose nuove o strane da vedere, lo stesso percorso fatto tante volte ha sempre qualcosa di nuovo da rivelare; vedere il mare della Bretagna, le dune, le case, gabbiani, anatre, cigni, la marea, gli scogli, la gente ........
Il secondo è l' olfatto, appena scesi dalla macchina abbiamo subito odorato il mare, l' odore era diverso da quello del mare della toscana, più forte, più intenso, più ........ e poi ci sono le alghe con il loro odore caratteristico .......
Il terzo è l' udito, il vento può essere brezza, soffio, fischio, ululato, può sussurrare ed il vento è parte integrante della Bretagna, è lui che ti porta gli odori, è lui che ti accarezza oppure ti sferza.
Il quarto è il gusto usato per gustare le cozze, le alghe secche, crude o cotte, le ostriche, le crepes i dolci bretoni, il pesce......
Il quinto è il tatto, credo che sia quello che ho usato meno anche se ho toccato conchiglie, sabbia, fiori, rocce, monumenti. Lo sapete che ho visto il canale manica e l' oceano atlantico e mi sono dimenticata di toccare le loro acque, riuscirò nel tempo a rimediare a questa grave dimenticanza??? Spero di si!!!

1 commento:

  1. Ci vorrebbbe un diaporama e alcuni file mp3 per darci un idea più precisa... Aspetto, F.

    RispondiElimina